Sempre Aperto
Possibilità di accesso ai disabili
Teatro Miela, Soprintendenza per i beni archeologici del Friuli Venezia Giulia, Galleria Nazionale d’Arte Antica, Stazione Ferroviaria Centrale, Stazione delle autocorriere
Ippocastano
Accesso consentito ai cani
Autobus n. 1, 6, 8, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 30, 36

Piazza della Libertà è stata ricavata dall’ampliamento della vecchia Piazza del Macello esistente dal 1780, e dall’interramento di un vasto tratto di mare con i materiali provenienti dallo sterro del colle di Scorcola.

Il giardino si trova al centro della piazza, punto nevralgico della città in prossimità della stazione ferroviaria centrale, inaugurata nel 1878.

L’area è un’oasi di verde all’incrocio di strade dal traffico impazzito e dal rumore assordante e concede al passante un attimo di sosta nel frenetico ritmo cittadino.

Utilizzata alcuni anni or sono come mercato, oggi la piazza ha riacquistato il suo fascino: gli alti ippocastani addolciscono i i prospetti architettonici di pregio dei palazzi circostanti, palazzo Parisi, palazzo Economo, palazzo Panfili, l’ex stazione delle autocorriere opera dell’architetto Nordio e il Silos.

Un bel filare di bossi delimita e disegna formalmente le aiuole lungo tutto il perimetro e i lampioni creano un’atmosfera d’altri tempi.

In un angolo del giardino è stato ricollocato nel 1997 il monumento all’imperatrice Elisabetta d’Austria detta Sissi, (1837 – 1898), a ricordo della storia della città.