a cura del dr. for. Francesco Panepinto

In data 9 maggio 2016 sono stati consegnati gli esiti della campagna di valutazione di stabilità che ha interessato più di 5.000 alberi dei viali e dei giardini comunali. Sono state eseguite 5010 analisi visive e di queste 745 sono state poi sottoposte ad analisi strumentale per accertare la presenza di cavità interne e di legno alterato. La ditta appaltatrice ha depositato una lista di piante 191 alberi da abbattere o perché morte (circa 70 alberi) o perché assegnate alla classe D di propensione al cedimento (rischio estremo) a causa di difetti statici quali ampie cavità e/o porzioni di legno alterato all’interno del fusto che hanno irrimediabilmente ridotto il margine di sicurezza.

Consistenza del patrimonio arboreo comunale censito lungo le vie, i viali e i giardini cittadini (escluse alberature delle scuole, musei, impianti sportivi, Parco Farneto e Villa Giulia)

Numero di alberi censiti

(a tutto il 31.05.2016)

Classe di Propensione al cedimento

Numero di alberi per classe

(ad abbattimenti eseguiti)

15.082

 

A

trascurabile

appartengono a questo gruppo tutti i soggetti sui quali non si sono verificati difetti o anomalie degne di nota

7834

B

bassa

vi appartengono quei soggetti dei quali si siano riscontrati lievi difetti strutturali

5824

C

moderata

tutti i soggetti appartenenti a questa classe hanno difetti strutturali verificati strumentalmente, per i quali va eseguita una verifica strumentale ogni anno

1391

C/D

elevata

in questo gruppo sono inseriti soggetti che presentano gravi difetti strutturali e morfologici. E’ possibile mantenere in vita tali soggetti solamente intervenendo con appropriate operazioni di potatura di alleggerimento e di messa in sicurezza

30

D

estrema

appartengono a questa categoria tutti i soggetti per i quali il rischio di schianto è elevatissimo, pertanto non è possibile intervenire in alcun modo ed è quindi necessario, in tutti i casi, l’abbattimento a tutela della pubblica incolumità.

0

Dal 13 giugno 2016 è in corso la campagna di monitoraggio 2016 – 2017 che porterà ad analizzare lo stato fitosanitario e di stabilità di 4000 alberi di cui 1100 ricontrolli di alberi in classe di propensione al cedimento C – moderata – e circa 700 controlli strumentali. Sono previsti inoltre 50 controlli strumentali in quota (ad altezze superiori ai 6 metri) mediante la tecnica di arrampicata in tree climbing, principalmente per i platani monumentali del Giardino Pubblico Muzio de Tommasini, al fine di accertare rischi di rottura di grosse branche e di cedimenti del fusto nella zona di inserzione della chioma.

Nel servizio di valutazione di stabilità in corso sono previste consegne trimestrali e, per le piante da abbattere, saranno regolarmente pubblicati sulla Finestra sul Verde gli elenchi con le relative ubicazioni.